POLYPHÕNIA: mostra fotografica di PINO MUSI al Tempio di Pomona di Salerno

Site - specific è l'espressione con la quale si intende un'installazione artistica che parte proprio dal sito nel quale si colloca, dialoga, si confronta e nel quale risuona. L'artista salernitano, di valore internazionale, Pino Musi ha scelto il Tempio di Pomona come sito - luogo, rapportato artisticamente, sociologicamente, visivamente, intensamente, con i non -luoghi delle periferie europee, cogliendone i dettagli e dando conoscenza della specificità di ciò che di specifico non ha nulla.

La fotografia, in quanto arte, diventa diritto alla conoscenza dei luoghi e dei non luoghi. La periferia è come un limite, amorfo, posto tra lo spazio urbano e il panorama rurale, ma esiste un limite che riannodato intorno a dettagli e ricreato all'interno di una distonia cromatica e di forma, come il sito del tempio di Pomona, tra le sue colonne doriche, intese come linee verticali e orizzontali, può trovare identità. Uno spazio anonimo si rivela identitario e, a sua volta s'identifica in un confronto polifonico, evocativo. Ciò che è anonimo e privo di identità, come le periferie, trova forma tra i rigori del chiaroscuro, i tagli immaginari e persone ipotetiche, collocate insieme ad ipotetiche vite negli interni evocati da tendaggi alle finestre. (V.S.)

Links:

https://www.scabec.it/attivita/pino-musi-polyphonia

https://www.pinomusi.com/

https://www.scabec.it/

Pino Musi. Polyphõnia, a cura di Stefania Zuliani:

https://www.scabec.it/attivita/pino-musi-polyphonia


80 visualizzazioni