Dal 2001, ogni 30 novembre, si festeggia la Festa della Toscana, in memoria del Codice Leopoldino

La "Riforma criminale toscana", conosciuto come Codice Leopoldino, fu emanata il 30 novembre 1786 dal granduca Pietro Leopoldo d'Asburgo. Con questo atto, Il primo Stato al mondo ad abolire legalmente la pena di morte fu il Granducato di Toscana.

Il Granduca, oltre che al giuseppinismo, fu seguace di Cesare Beccaria e fu assistito da validi ministri quali, tra gli altri, i giuristi fiorentini Pompeo Neri e Giulio Rucellai. Fu una riforma complessa e pienamente moderna, inoltre furono abolite la tortura e altre pene corporali truculente. Questa legge trovava la sua fonte principale nell'Illuminismo, ma, soprattutto nell'opera "Dei delitti e delle pene" che Cesare Beccaria pubblicò per la prima volta in Toscana nel 1764.



Immagini del manoscritto originale della legge, conservato in ASFi, Segreteria di gabinetto. (Archivio di Stato di Firenze biblioteca)


Codice Leopoldino PDF


Carta dei Diritti fondamentali dell'Unione europea


Moratoria universale della pena di morte













Dei Delitti e delle Pene Pdf