240 anni fa il Massacro della nave negriera Zong.

Il Massacro della Zong fu una scelta omicida, da parte della proprietà della nave che aveva stipulato un'assicurazione sulla vita degli schiavi che venivano commerciati a partire dal Castello di Elmina, macabro simbolo del commercio degli schiavi, uno dei circa trenta "castelli degli schiavi", dislocati lungo le coste del Ghana e del golfo della Guinea. Dal momento che la nave si era insabbiata, si proseguì nell'uccisione di massa di 142 schiavi africani per incassare l'assicurazione.


Il Castello di Elmina è il più antico edificio europeo dell'Africa subsahariana (1482). Oggi è sito storico riconosciuto dall'UNESCO e Patrimonio dell'umanità, ad ammonimento simbolico delle atrocità lì inflitte.


Sia il massacro della Zong sia il processo intentato contro i commercianti di Liverpool dall'attivista Granville Sharp sia il castello di Elmina con i suoi orrori, divennero simbolo e occasione dello sviluppo del movimento abolizionista in Inghilterra.

18 visualizzazioni